Condividi la pagina

I nuovi schiavi...

Pubblicato in Blog
Posted by  Mercoledì, 11-06-2019
(0 Voti)

Scusate, ma solo io sono preoccupata seriamente della situazione economica dell'Italia ,che sta affondando sempre più e non offre opportunità di lavoro ai giovani e meno giovani  (perchè ormai la gente "a spasso" è sempre di più, di ogni età  e non si vede luce in fondo al tunnel)?

Sembra che le notizie allarmanti che sentiamo e che  viviamo  quotidianamente sulla nostra pelle non tocchino minimamente gli italiani , tante sono le lamentele, che sento girando  qua e là, ma nessuno che si impegni veramente a protestare, a scendere in piazza ,ad urlare con tutta la sua voce il proprio dissenso.  La politica economica messa in atto  da questo governo fa rabbrividire, continuano a massacrare noi poveri piccoli imprenditori e commercianti ,che ormai  siamo arrivati  allo  stremo delle forze, con tasse grandi e piccole,con sempre nuova burocrazia, che diventa ogni giorno  più macchinosa e ingarbugliata, altro che sburocratizzare! . Non c'è un solo investimento per il lavoro, per creare nuovi posti , per salvaguardare ,detassando, quelle poche imprese che ancora danno lavoro in Italia e che fra poco se ne andranno come hanno fatto già migliaia di  altre. Gli unici posti che i giovani e meno  giovani riescono a trovare sono degli squallidi contratti a tempo  determinato (ormai si parla di pochi mesi, non certo di un anno di lavoro) che hanno arricchito le agenzie interinali, in multinazionali (vedi Amazon) che pagano il 5% di tasse in Italia fornendo ai loro dipendenti (o meglio ai dipendenti delle agenzie interinali che li prestano agli "schiavisti") dei contratti raccapriccianti (dove sono i sindacati?), pagati miseramente e che lavorano in condizioni pessime (nuovi schiavi, come ho riportato nel titolo del blog). Questo è il lavoro che si riesce a trovare in Italia, un lavoro che non ti permette di pensare al futuro, di crearti una famiglia, di accendere un mutuo per una casa, insomma non ti permette di fare alcun progetto a lungo termine! Questo governo però una categoria l'ha accontentata (come del resto  fanno sempre le zecche rosse) rinnoveranno nel 2020 il contratto agli statali (io li chiamo fancazzisti cronici, direi l'80%, ne salvo una piccolissima percentuale), con un aumento di stipendio di 87 euro in busta paga e addirittura nuove assunzioni (voto di scambio as usual!). Per le aziende private in difficoltà nessun tipo di aiuto! Manterremo con le nostre tasse e con i nostri sacrifici nuovamente la categoria dei fannulloni, che tanto ama la sinistra! Complimenti! Mi vergogno di essere italiana e di essere rappresentata da questa manica di coglioni che nessuno ha votato e che odiano il nostro Paese, perchè se veramente lo amassero non metterebbero in atto questo scempio , l'Italia sta morendo! Sveglia!

Letto 234 volte Ultima modifica il Mercoledì, 06 Novembre 2019 11:15
Share »

PODCAST

Web Radio 63

Benvenuto nel fantastico mondo musicale di Web Radio 63, per noi il tuo giudizio è importante, se ti va seguici anche su Facebook per condividere insieme un mondo di musica.

TECNOLOGIA


              

Commenti recenti

PROGRAMMI RADIO

  • LUNEDI' 17:00 IL SALOTTO DI BEPPELANTE

  •   button beppelante

  • MARTEDI' 18:00 TONI MIX 21:00   

  •  button Toni Mix

  • MERCOLEDI' 18.15 NUOVE ENTRATE

  •  button Nuove Entrate

  • GIOVEDI'  18:00 "A BUSTA CHIUSA" 

  • button A BUSTA CHIUSA

  • VENERDì   22:00 BLUES

  • button BLUES

  • SABATO  23:30 DISCO DANCE

  • button DISCO DANCE

  • DOMENICA 21:30 MOTOWN                                                                                                                                                            
  • button MOTOWN

     

 

Note Legali

POLICY

Rimani Aggiornato

Ti invitiamo ad iscriverti, in maniera del tutto gratuita e libera, alle newsletter informative. Cliccando sul tasto sottostante "Iscriviti" potrai ricevere informazioni riguardanti le nostre attività. La nostra emittente Rispetta le norme GDPR (General Data Protection Regulation).
Registrati
Please wait

 

 

 

L'aggiornamento di questo sito avviene in modo saltuario,non ha contenuti giornalistici e quindi non può essere considerato una testata giornalistica o un periodico o comunque un prodotto editoriale.