Condividi la pagina

Rodolfo Vivaldi

Pubblicato in Scrittori
Posted by  Martedì, 06-12-2018
(0 Voti)

Due letterati del Novecento bistrattati dalla politica e dalla cultura egemone, nonostante il loro indubbio

valore. In questo saggio peculiare, Rodolfo Vivaldi soddisfa con efficacia e capacità di sintesi una propria intuizione intellettuale: il possibile, e neanche troppo improbabile, parallelo tra le figure dello scrittore, umorista e patriota italiano, Giovanni Guareschi, e dello scrittore francese schivo e solitario, medico filantropo eppure spesso cinico e volutamente provocatore, Louis-Ferdinand Destouches, in arte Céline. Scrive Vittorio Bonacci nella Prefazione: "Entrambi gli autori - il conservatore e cristiano Guareschi e l'anarchico, ateo, revisionista della prima ora con il suo Bagatelle per un massacro, Céline - sono accomunati dall'abile penna di Vivaldi in una forte avversione per il modernismo, per quella nuova religione della scienza e della tecnica, che ha condotto il mondo sull'orlo dell'olocausto nucleare e lo ha disumanizzato, alterandone gli stili di vita, adulterandone i ritmi e standardizzandone i comportamenti a servizio di una sinarchia del denaro mirante ad un governo mondiale e ad uno Stato unico universale. Ciò fu già nella prima metà del Novecento preconizzato da un filone letterario, nato in Russia, ma sviluppato soprattutto in Inghilterra, che prese il nome di utopia negativa o antiutopia, e i cui principali esponenti sono tutti citati nel capitolo in cui l'Autore tratta dei danni del progresso e dei danni della modernità".

 

 

Rodolfo Vivaldi, genovese convinto, esercita da molti anni con gusto, per tradizione di famiglia, la professione del farmacista. Sposato con la paziente Simonetta, esibisce con orgoglio, come la madre dei Gracchi, le figlie Isabella e Carlotta e i quattro nipoti. Coltiva fin dalla prima giovinezza curiosità prevalentemente letterarie, ma anche in altri settori della cultura. Si considera realisticamente un cristiano imperfetto, pur confidando in un bonario giudizio finale. Devoto cultore dell’amicizia, è solito dire: “Un esercito di amici combatte al mio fianco!”. Ha la struttura mentale di un conservatore prezzoliniano persino un po’ tradizionalista.

Letto 23 volte Ultima modifica il Martedì, 12 Giugno 2018 17:04
Share »

PROGRAMMI RADIO

  • LUNEDI' 20:OO UN'ORA D'AUTORE

  • MARTEDI' 18:00 TONY MIX 21:00 JAZZ

  • MERCOLEDI' 18.15 NUOVE ENTRATE

  • GIOVEDI'  18:30 "A BUSTA CHIUSA"

  • VENERDì   22:00 BLUES

  • SABATO  23:30 DISCO DANCE

  • DOMENICA 21:30 MOTOWN

     

 

Note Legali

Rimani Aggiornato

Ti invitiamo ad iscriverti, in maniera del tutto gratuita e libera, alle newsletter informative. Cliccando sul tasto sottostante "Iscriviti" potrai ricevere informazioni riguardanti le nostre attività..
Registrati
Please wait

 

 

 

L'aggiornamento di questo sito avviene in modo saltuario,non ha contenuti giornalistici e quindi non può essere considerato una testata giornalistica o un periodico o comunque un prodotto editoriale.